Ravvedimento operoso

L'istituto del ravvedimento operoso consente di sanare spontaneamente la violazione della normativa sul diritto annuale, beneficiando di una sanzione ridotta rispetto a quella ordinaria, ai sensi dell'art. 6, comma 1, lettera B del D.M. n. 54/2005.

Affinché si perfezioni il ravvedimento, il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, nonché al pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera, a partire dal giorno successivo alla scadenza e fino alla data del pagamento.

In particolare, il contribuente, che intende regolarizzare l'omesso o insufficiente versamento del diritto annuale, deve provvedere a versare:

  • l'importo del tributo dovuto e non versato o versato in misura insufficiente 
  • l'importo della sanzione ridotta al 6% (come più volte chiarito dal MISE)
  • l'importo degli interessi moratori, calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera

 

Chi può ravvedersi

  • le imprese già iscritte al Registro delle Imprese che non hanno versato il diritto annuale alla data di scadenza ordinaria;

  • le imprese nuove iscritte che non hanno versato il diritto annuale entro 30 giorni dalla presentazione della domanda di iscrizione al Registro delle Imprese. 

La violazione non deve essere già stata constatata e comunque non devono essere iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività di accertamento delle quali gli autori, o i soggetti obbligati in solido, abbiano avuto formale conoscenza.

 

Termini e scadenze

Il termine ultimo entro il quale è possibile ravvedersi è entro un anno dalla commissione della violazione. Nel caso in cui il termine differito cada di sabato o in un giorno festivo, è prorogato al primo giorno non festivo successivo. La data di commissione della violazione è quella della scadenza originaria dell'obbligo del pagamento oppure quella entro cui il contribuente avrebbe potuto versare con maggiorazione dello 0,40% se - e solo se - nel periodo fra la scadenza originaria e quella per il pagamento con maggiorazione il contribuente ha effettuato un versamento parziale (circ. AE 27 del 2 agosto 2013 recepita con circ. MISE 172574 del 22 ottobre 2013).

N. B.: Il ravvedimento operoso lungo effettuato entro due anni dalla violazione, introdotto dalla legge di stabilità 2015, non riguarda il diritto annuale, ma solo i tributi gestiti direttamente dall'Agenzia delle Entrate.

 

Modalità di pagamento

Il pagamento del tributo può avvenire alternativamente utilizzando

Utilizzando l'apposito portale nazionale nel quale, inserendo il codice fiscale dell'impresa, è possibile effettuare il calcolo del diritto dovuto e, successivamente, procedere al pagamento mediante il sistema PagoPA

La procedura è semplice ed intuitiva. E' sufficiente seguire le istruzioni illustrate ad ogni passo.

Utilizzando il Modello F24, la cui compilazione deve avvenire come di seguito:

contribuente: al fine della corretta attribuzione del pagamento all'impresa è necessario indicare il codice fiscale (non la partita IVA), nonché i dati anagrafici e il domicilio fiscale;
sezione da compilare: sezione IMU e altri tributi locali;
codice ente/ codice comune: CA
codice tributo: 3850 per il diritto annuale, 3851 per gli interessi, 3852 per le sanzioni;
anno di riferimento: 20..;
importi a debito versati: indicare gli importi dovuti in base ai calcoli effettuati (sede + eventuali unità locali + eventuale maggiorazione), arrotondati all'unità di euro.

Gli interessi di mora sono calcolati al tasso legale annuo vigente con maturazione giornaliera.

La sanzione si calcola in misura ridotta al 6% del tributo omesso.

non sono ammessi versamenti di sanzioni con codice tributo diverso da 3852, quindi non è possibile utilizzare il ravvedimento sprint o la regolarizzazione con codice 8911 prevista per i modelli F24 a saldo zero.

 

Normativa
Regolamento sanzioni amministrative diritto annuale
Applicabilità al diritto annuale della circolare Agenzia Entrate 27/E
Contatti

Diritto annuale

Unità organizzativa
Diritto annuale
Indirizzo
Largo Carlo Felice, 72 - Cagliari
CAP
09124
Telefono
070/60512.359-322-418
Email
dirittoannuale@caor.camcom.it
PEC
dirittoannuale@pec.caor.camcom.it
Orari

Contatti telefonici:

dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 12,00; martedì e giovedì dalle 15,00 alle 17,00. 

Per le questioni di maggiore complessità è possibile richiedere un appuntamento via mail o telefonicamente

Ultima modifica: Giovedì 20 Maggio 2021